R: R: PROBLEMI con doppia definzione id="eng"

Federico Nebiacolombo federico.nebiacolombo at softeco.it
Thu Jun 1 05:01:55 CDT 2006


> 2) Per quanto riguarda la traduzione di alcuni termini
> di uso comune (backup, file, etc) io li lascerei in
> inglese, per me più espressivo (in ogni caso sono
> termini che ormai fanno parte del nostro dizionario).
> Per altri termini più specializzati (i.e  branch), la
> traduzione in rami non mi piace; propongo di spiegare
> il significato con cui vengono usati all'interno del
> manuale la prima vota che si incontrano (mettendo
> magari una nota sulla traduzione), e poi usare sempre
> il termine inglese.
>
si anche a me 'rami' non piace davvero (anche se l'ho proposto per
democrazia:-)
Spiegare i termini la prima volta pone il problema di sapere mettere delle
note a pie' pagina
che personalmente non amo troppo.
Ipotizzo che forse sopratutto per i termini in inglese possa essere
proponibile
inserire (se non c'e' gia' ) una sezione od appendice 'glossario' nel quale
spieghiamo i termini inglesi usando l'italiano (ovvio).
Cosa ne pensate?
Se siamo d'accordo potremmo inviare una missiva a CM Pilato in questo senso.
Dediciamo la prossima settimana.

> 3) Appoggio l'idea di lasciare il paragrafo in inglese
> che sara' rimosso a completamento della revisione
> della
> traduzione. A proposito, io lavoro su una macchina
> windows, cosa posso usare per validare il file xml?
>
ho appena affidato a svn (traduzione di commit?:-) una nuova revisione di
How-to-translate.txt con una nota per chi conosce poco e niente cygwin (non
e' certo una colpa:-)
buon update
Nebiac







More information about the svn-it mailing list