R: Traduzione - depository

Pietro pietro at dwpc.it
Wed Sep 20 04:04:00 CDT 2006


Alle 08:25, martedì 19 settembre 2006, Federico Nebiacolombo ha scritto:
> Nel caso dei termini 'commit' e 'repository' penso che, come già discusso
> in passato sulla mail list,
> sia meglio non tradurli: un utente svn non puo' cadere in ambiguità su
> questi argomenti.

Spero di ragionare più chiaro (non voglio 'convertire' nessuno, solo 
spiegare meglio mio punto di vista)

Esistono termini inglesi che hanno significato ben preciso in lingua
inglese comune, presi da un certo ramo tecnico questo significato
differisce leggermente dal significato comune e secondo me
è giusto in questo ramo non tradurli.
Poi ci sono termini che hanno lo stesso significato nel linguaggio
comune e nel linguaggio specialistico. Depository nella lingua
comune inglese e nella documentazione inglese di vari
sistemi di 'version control' ha sempre lo stesso significato,
come deposito in italiano.
Non vedo ragione per usare termine inglese. Ma questo è 
sempre IMHO.
Esempio assurdo inventato da me proprio adesso:
Che cosa dire a proposito di un gruppo di ipotetici 
riparatori di certi macchinari, che nei suoi manuali
tradotti da inglese usano per tradizione al posto di
'libro' e con significato di 'libro' parola 'book'?

Ciao
Pietro







More information about the svn-it mailing list